Il Parlamento europeo approva le norme sulle licenze per le criptovalute e sul trasferimento di fondi

Alicio

Alicio

Giovedì i legislatori dell’Unione Europea hanno votato 517 voti a favore (38 contrari) di un nuovo regime di licenze per le criptovalute (MiCA, per Markets in Crypto Assets), rendendo l’UE la prima grande giurisdizione al mondo a introdurre una legge completa sulle criptovalute.

Il Parlamento europeo ha inoltre votato 529 voti a favore (e 29 contro) una legge separata nota come Transfer of Funds Regulation (ToF), che richiede agli operatori di criptovalute di identificare i propri clienti nel tentativo di fermare il riciclaggio di denaro.

Il voto segue il dibattito di mercoledì in cui i legislatori hanno appoggiato a larga maggioranza i piani per obbligare i fornitori di portafogli di criptovalute e gli scambi a richiedere una licenza per operare in tutto il blocco, e per richiedere agli emittenti di monete stabili legate al valore di altri beni di detenere riserve sufficienti.

Mairead McGuinness della Commissione europea ha descritto il voto come una “prima mondiale” per le regole sulle criptovalute. “Stiamo proteggendo i consumatori e salvaguardando la stabilità finanziaria e l’integrità del mercato”, ha dichiarato McGuinness. Le regole inizieranno ad essere applicate dal prossimo anno.

In una dichiarazione rilasciata dal Parlamento europeo, Stefan Berger, il legislatore che ha guidato i negoziati sulla legge, ha affermato che le norme pongono l’UE “in prima linea nell’economia dei token, con oltre 10.000 asset di criptovalute. I consumatori saranno protetti da inganni e frodi e l’industria danneggiata dal crollo di FTX potrà riacquistare fiducia”. “.

Anche l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati ha accolto con favore il voto in un tweet e ha dichiarato che “annuncerà a tempo debito” il suo calendario per lo sviluppo della legislazione secondaria nell’ambito del MiCA.

Il regolamento sui mercati dei criptoasset è stato proposto per la prima volta dalla Commissione europea nel 2020 e, per diventare legge, deve essere approvato dal Parlamento e dal Consiglio dell’UE, che rappresentano gli Stati membri del blocco. Le sue principali disposizioni inizieranno ad essere applicate poco più di 12 mesi dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’UE, probabilmente a giugno.

Chi è interessato da questo regolamento?

Se siete una società che svolge un’attività legata ai criptoasset nell’Unione Europea (le cosiddette società CASP), siete interessati. Le CASP saranno obbligate a fare una diligence di tutti i clienti per condividere le informazioni quando il cliente effettua una transazione.

Volete saperne di più? Vi consigliamo di leggere l’articolo Regolamento MiCA Sarete obbligati a effettuare un KYC? .

Se vi è piaciuto, condividetelo su